Vi invitiamo a Firenze, mercoledì 27 febbraio 2019 alle ore 20.45 presso il Cinema di Castello, in via Reginaldo Giuliani n.374, alla proiezione del documentario:

L’ALLUMINIO, I VACCINI E I DUE CONIGLI

realizzato da entre2prises e E3M con sottotitoli in italiano a cura dell’Associazione Libera Scelta

Seguirà dibattito, intervengono Alessandra Bocchi presidente Associazione Libera Scelta e Massimo Rodolfi editore e scrittore, per l’associazione Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana

Per informazioni: Manuela Pantani  riptoscana@gmail.com

 

Organizzatori: Riprendiamoci Il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana e Associazione Libera Scelta

Le Autorità Sanitarie sostengono che l’alluminio, quale adiuvante contenuto nei vaccini, non è dannoso per la salute umana.

Mentre si afferma che i quantitativi di alluminio presenti nelle dosi vaccinali rispondono a criteri di efficacia del vaccino, non ci sono studi che ne dimostrino la sicurezza.

Ci sono invece ricerche e testimonianze che dimostrano sia la tossicità dell’alluminio sia la sua pericolosità, soprattutto se iniettato nell’organismo umano.

Quando l’alluminio infatti, attraverso i vaccini, viene inoculato nel nostro corpo, non viene smaltito, ma entra in circolo, provocando gravi reazioni avverse, soprattutto a carico del sistema nervoso.

Il crescente numero di persone affette da stanchezza cronica e disturbi cognitivi, insieme al mancato rispetto del principio di precauzione, alla enfatizzazione di una politica vaccinale senza pericoli, che però non viene dimostrata, che è coercitiva e che non tiene conto dei danni e dei danneggiati da vaccino, è la preoccupante realtà che stiamo vivendo.

Davanti a tutto questo, è sempre più urgente una presa di coscienza capace di portare la salute umana al centro di un approccio terapeutico basato sul rispetto di tutti gli esseri umani e libero dagli interessi delle multinazionali e dai meccanismi di potere, per poter poi affermare una ricerca scientifica indipendente volta alla cura della vita.

Riteniamo che questo sia possibile se ognuno di noi inizia a informarsi e a diventare responsabile delle proprie scelte.