a1 - Neve artificiale, no non é sostenibileCosa fareste se vi proponessero di tagliarvi una gamba per poter usufruire di una protesi realizzata con la più sofisticata tecnologia?

Assurdo vero?! Già, ma è realtà. Le scie chimiche e i fenomeni climatici realizzati con la geo-ingegneria hanno modificato il clima a ogni latitudine e lo continuano a fare, piegando economie, compromettendo e prosciugando risorse naturali, devastando l’ambiente e la salute di tutti gli abitanti del pianeta.

Ma non è finita, la soluzione a questi crimini viene offerta spacciando come soluzione lo stesso aberrante crimine. In poche parole: ti rovino e ti curo con lo stesso male. In altre parole: i metalli pesanti e le nanotecnologie rilasciati dalle scie chimiche stanno provocando danni alla nostra salute, al nostro organismo, al nostro DNA, alla terra in cui coltiviamo il nostro cibo… soluzione? Utilizzare vaccini e tecnologie da impiantare nel nostro corpo e coltivare Ogm che si adattano a terreni contaminati e impoveriti. Questi sono esempi che semplificano un po’ troppo, ma ormai le mistificazioni di ciò che realmente accade sono all’ordine del giorno e semplificare diventa importante.

Come la notizia, di qualche giorno fa, della neve sostenibile prodotta da nuvole artificiali, ultima invenzione della geo-ingegneria. Ora, che all’economia faccia bene avere avventori che sciino nelle località turistiche e che faccia bene agli stessi turisti sciare è indubbio e non solo, a me manca la neve, quella vera, quella con cui giocavo da bambina e che mangiavo, non quella che rimbalza sul cappotto o che scricchiola sotto i piedi. Ma la soluzione non è produrre neve artificiale. Nell’articolo che racconta di questa neve artificiale, si parla di sostenibilità, come motivazione principale e grande traguardo raggiunto.

E’ sicuro che è necessario tutelare le risorse idriche, ma non è utilizzando la geo-ingegneria che lo faremo. La soluzione è a monte. La soluzione non è trovare soluzione al male continuando a farlo. E’ non farlo più. La soluzione è che non si utilizzi la geo-ingegneria per modificare il clima e per creare artificialmente tornado, bufere, siccità, è che gli aerei che rilasciano le scie chimiche non solchino più i nostri cieli. La soluzione è deporre le armi.

L’antidoto al male è tornare ad amare la vita. Non lasciamoci abbindolare, guardiamo la luna e non il dito, come recita un famoso detto. La vita è perfetta, a noi tocca imparare a rispettarla e a vivere in armonia. Lasciamo che la neve torni a scendere dal cielo tra lo stupore nei bambini e il “picio pacio” nelle strade, lasciamo che copra la terra in cui i germogli trascorreranno l’inverno per poi fiorire. Riprendiamoci la poesia della Vita, e bellezza, saggezza e abbondanza torneranno a regnare nel mondo.

Fonti:
DailySlow.it – Anche la neve è slow
AdnKronos.com – Produrre neve più sostenibile da nuvole artificiali…
Panorama.it – Produrre neve più sostenibile da nuvole artificiali…

Articolo di: Alessandra Bocchi