a1 - Solidarietà al Dottor Dario MiedicoAbbiamo saputo che il dottor Miedico è stato convocato dall’Ordine dei Medici di Milano per dare spiegazioni in merito alla sua posizione sui vaccini. Riportiamo la lettera del dottor Miedico (1) indirizzata al Presidente dell’Ordine.

Vorrei far conoscere all’Ordine dei Medici di Milano la mia esistenza, non sono allineata a quella gerarchia che si autodefinisce “scientifica” e poi impone le cure, soprattutto quelle prodotte da multinazionali quotate in borsa, le quali producono i loro farmaci senza tenere conto del principio di precauzione e tanto meno dell’umanità dei medici, svalutati nella loro professione nel momento in cui gli viene fatta la richiesta di essere semplici venditori di farmaci, con tutto il rispetto per coloro che lo fanno con il cuore e l’informazione. 

Ho un cervello che pensa e so distinguere la realtà dei fatti dalla pura pubblicità dei miracoli, della quale siamo sommersi ad ogni ora del giorno. Esprimo quindi la mia solidarietà al dottor Dario Miedico, il quale mi dice la verità.

La verità è sempre rassicurante, mi fa prendere le dovute misure sulla eventuale prevenzione possibile, non mi illude, non è mai esistito nessun presidio medico che debella le malattie, la verità è che la medicina non è una scienza certa, perché l’essere umano stesso è un insieme di fattori, genetici, ambientali, emotivi, mentali e di esperienza i quali sono in continuo mutamento, e questo mi rassicura perché imparo che se voglio cercare di stare bene e in salute, devo portare l’attenzione su tutti questi fattori, in poche parole su tutta me stessa, come persona, ascoltarmi ed ascoltare ciò che mi circonda, non sono un robot che gli si da un po’ d’olio e non scricchiola più!

La malattia è un sintomo che ancora non conosciamo nel suo complesso. Questa è una verità che, se presa in considerazione, ci fa avvicinare al medico come persona. Il presidio medico è un aiuto, non la cura assoluta delle malattie. Definire un vaccino miracoloso è mera propaganda al guadagno di chi lo produce. In ogni caso sono qui a dire che la libertà di scelta, in questo caso della cura, deve essere un diritto inoppugnabile di ogni cittadino di questo pianeta. Voglio inoltre essere libera di scegliere il medico, colui dal quale mi sento ascoltata e protetta, e di sicuro non potrà essere così se medici capaci ed obiettivi come il dottor Miedico saranno minacciati di essere radiati se anche solo consigliano di non vaccinarsi nel momento in cui esiste un ragionevole dubbio o rischio per la salute di quel paziente, alla luce di una diagnosi specifica e personale!

Mi viene da pensare: ma cosa hanno studiato e praticato tutti quegli anni a fare se il loro sacrificio viene vanificato dalla minaccia fatta da un sistema totalitario?

“L’essenza della scienza è la libertà da ogni gerarchia e principio di autorità. La scienza è a servizio dell’umanità e non potrà mai essere il suo giogo. No alla “Santa Inquisizione Moderna”, Si ad una discussione libera e aperta sulle vaccinazioni.” (Cit. Associazione COMILVA ONLUS)

Altri associati condividono la solidarietà al dottor Dario Miedico, basata sulla libertà di scelta della cura. (2)

Fonti:
(1) InformaSalus.it – Vaccinazioni: Lettera al Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano
(2) InformaSalus.it – Vaccinazioni pediatriche: intervista al dottor Dario Miedico

Articolo di: Emanuela Veronesi per Commissione Salute